ELENCO DEI LEPIDOTTERI DIURNI LEPIDOPTERA RHOPALOCERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA

di Francesco Gatti & Carlo Matessi

ultimo aggiornamento: 6 luglio 2020

Il numero di specie note per la provincia di Pavia ammonta a 126 (di cui due sono da considerarsi estinte) e corrisponde circa al 43% delle specie italiane. Il numero dei generi rappresentati è pari all’83 % del totale nazionale.

L'Oltrepò Pavese è l'area più ricca di specie, ospitando la quasi totalità delle specie note per il territorio provinciale (solo tre specie sono assenti da esso: Heteropterus morpheus, Satyrium pruni, Coenonympha oedippus). Inoltre ben 41 taxa, valore corrispondente a un terzo della lepidotterofauna provinciale, sono esclusivamente presenti in Oltrepò. 

Le specie di maggior interesse conservazionistico sono 20, intendendo come tali quelle che compaiono negli Allegati II e/o IV della Direttiva Habitat, quelle alle quali è attribuita una categoria di minaccia secondo le liste rosse (europea e/o nazionale) e quelle alle quali è attribuita una categoria di rischio molto o estremamente alto secondo il Climatic Risk Atlas of European Butterflies. 

Compaiono in Direttiva Habitat le seguenti specie: Zerynthia cassandra e Z. polyxena (entrambe raggruppate nella Direttiva sotto il nome Z. polyxena) (All. IV), Lycaena dispar (All. II, IV), Maculinea arion (All. IV) e Coenonympha oedippus (All. II, IV). 

Maculinea arionCoenonympha oedippus sono considerate EN = endangered (in pericolo);  Nymphalis polychloros è considerata VU = vulnerable (vulnerabile) da van Swaay et al. (2010). 

Una sola specie figura tra quelle minacciate nella Lista Rossa delle Farfalle italiane - Ropaloceri (Balletto et al., 2015): Satyrium pruni, considerata "in pericolo". 

Sono 13 le specie alle quali è attribuita una categoria di rischio molto o estremamente alto a causa dei cambiamenti climatici (Settele et al. 2008). 

L'elenco seguente consta anche di specie ritenute con ogni probabilità estinte (Nymphalis antiopa, Chazara briseis e Coenonympha oedippus) e altre la cui comparsa è da ritenersi occasionale (Gonepteryx cleopatra, Polygonia egea e Danaus chrysippus).

Hesperiidae
  1. Pyrgus armoricanus (Oberthür, 1910)
  2. Pyrgus malvoides (Elwes & Edwards, 1897)
  3. Pyrgus sidae (Esper, 1782)  ROPCRA
    La scoperta della specie in provincia di Pavia (e Lombardia) risale al 6 maggio 2009, presso una località collinare della porzione centrale dell’Oltrepò (Mermet E., Naluzzo P., com. pers.). Negli anni 2017 e 2018 sono state condotte ricerche mirate atte a confermarne la presenza e aumentare la conoscenza circa la sua distribuzione. Queste indagini hanno portato alla conferma nella località del primo ritrovamento ed alla scoperta di due ulteriori popolazioni in altrettante località di collina (12 maggio 2018, Bonifacino M., com. pers.; 13 maggio 2018, Bonifacino M., Gatti F., com. pers.).
  4. Spialia sertorius (Hoffmannsegg, 1804)
  5. Carcharodus alceae (Esper, 1780)
  6. Carcharodus flocciferus (Zeller, 1847)  OP
  7. Carcharodus lavatherae (Esper, 1780)  OP
  8. Erynnis tages (Linné, 1758)
  9. Heteropterus morpheus (Pallas, 1771) OP
  10. Carterocephalus palaemon (Pallas, 1771) OP
  11. Thymelicus acteon (Rottemburg, 1775)  OP
  12. Thymelicus sylvestris (Poda, 1761)
  13. Thymelicus lineola (Ochsenheimer, 1808)
  14. Hesperia comma (Linné, 1758)
  15. Ochlodes sylvanus (Esper, 1777)
Papilionidae
  1. Papilio machaon (Linné, 1758)
  2. Iphiclides podalirius (Linné, 1758)
  3. Zerynthia cassandra (Geyer, 1828)  ROPALL. IV
    La presenza di questo taxon, recentemente elevato a status di specie distinta da Z. polyxena, è stata accertata sul campo tramite esame non cruento dei genitali maschili (valvae) e l'osservazione delle larve la cui morfologia differisce da Z. polyxena (Matessi, 2018).
  4. Zerynthia polyxena (Denis & Schiffermüller, 1775)  RALL. IV
    Vi sono segnalazioni di questa specie in anni recenti, in una località del Parco del Ticino (Bogliani, com. pers.). L'effettiva attribuzione al taxon polyxena dovrebbe essere corroborata in futuro da osservazioni delle larve e/o da indagini del DNA.
Pieridae
  1. Aporia crataegi (Linné, 1758)
  2. Pieris brassicae (Linné, 1758)
  3. Pieris edusa (Fabricius, 1777)
  4. Pieris mannii (Mayer, 1851) CRA
  5. Pieris napi (Linné, 1758)
  6. Pieris rapae (Linné, 1758)
  7. Euchloe crameri (Butler, 1869)  OP
    La presenza di questo taxon è stata accertata mediante analisi del DNA su 12 esemplari raccolti in diverse località dell'Oltrepò (Vila R., Corbella C. - Institut de Biologia Evolutiva, CSIC-UPF, Barcelona e Matessi C. - IOLAS, com. pers.). Spesso confusa con E. ausonia, per la quale non vi sono prove certe di presenza; in base ai risultati indicati si può affermare con buona probabilità (≥ 95%) che se E. ausonia è presente la sua frequenza in Oltrepò non può eccedere il 20%.
  8. Anthocharis cardamines (Linné, 1758)
  9. Colias alfacariensis (Berger, 1948)
  10. Colias crocea (Geoffroy, 1785)
  11. Colias hyale (Linné, 1758)
  12. Gonepteryx cleopatra (Linné, 1758)  R
    Specie di comparsa occasionale con individui provenienti probabilmente dalla Liguria, dove è diffusa. Cinque segnalazioni recenti:
    - 1 maschio, Spizzirò, 31 luglio 2010 (Gatti F., com. pers.);
    - 1 maschio, Monte Alpe, 25 luglio 2017 (D'amico G., com. pers.);
    - 1 maschio, Prodongo, 25 giugno 2018 (Villa M., com. pers.);
    - 1 maschio, Corbesassi, 8 settembre 2018 (Mermet E., Naluzzo P., com. pers.);
    - 1 maschio, Valle Coppa, 8 settembre 2018 (Mermet E., Naluzzo P., com. pers.);
    Sporadica in provincia di Alessandria (Cabella & Fiori, 2006); un maschio osservato il 4 luglio 2010 nei pressi del passo di Bocca di Crenna a 1600 m s.l.m. (Festari & Gatti, com. pers.). In provincia di Piacenza la sua presenza è considerata incerta da Chiavetta (2000).
  13. Gonepteryx rhamni (Linné, 1758)
  14. Leptidea sinapis (Linné, 1758)
    La presenza di questo taxon è stata accertata mediante analisi del DNA su 8 esemplari raccolti in diverse località dell'Oltrepò (Vila R., Corbella C. - Institut de Biologia Evolutiva, CSIC-UPF, Barcelona e Matessi C. - IOLAS, com. pers.). Nessun esemplare di altre specie appartenenti al genere Leptidea è stato sinora accertato; in base ai risultati indicati si può affermare con buona probabilità (≥ 95%) che se altre specie sono presenti la loro frequenza complessiva in Oltrepò non può eccedere il 30% (Matessi C., com. pers.).
Riodinidae
  1. Hamearis lucina (Linné, 1758)  OP
Lycaenidae
  1. Lycaena alciphron (Rottemburg, 1775)
  2. Lycaena dispar (Haworth, 1803)  ALL. IIALL. IV
  3. Lycaena phlaeas (Linné, 1761)
  4. Lycaena thersamon (Esper, 1784)  OP
  5. Lycaena tityrus (Poda, 1761)
  6. Lycaena virgaureae (Linné, 1758)  OP
  7. Thecla betulae (Linné, 1758)  OP
  8. Thecla quercus (Linné, 1758)
  9. Satyrium acaciae (Fabricius, 1787)
  10. Satyrium ilicis (Esper, 1779)
  11. Satyrium pruni  R OP (EN)
  12. Satyrium spini (Denis & Schiffermüller, 1775)
  13. Satyrium w-album (Knoch, 1782)
  14. Callophrys rubi (Linné, 1758)
  15. Cacyreus marshalli (Butler, 1898)  ACRA
  16. Leptotes pirithous (Linné, 1758)
  17. Lampides boeticus (Linné, 1758)
  18. Cupido alcetas (Hoffmannsegg, 1804)  OP
  19. Cupido argiades (Pallas, 1771)
  20. Cupido minimus (Fuessli, 1775)
  21. Cupido osiris (Meigen, 1829)  OPCRA
  22. Celastrina argiolus (Linné, 1758)
  23. Pseudophilotes baton (Bergsträsser, 1779)
  24. Glaucopsyche alexis (Poda, 1761)
  25. Maculinea arion (Linné, 1758)  ROPALL. IVEN
    È presente la sottospecie ligurica con distribuzione frammentaria nell'Oltrepò collinare e montano.
  26. Maculinea rebeli (Hirsche, 1904)  OP
  27. Iolana iolas (Ochsenheimer, 1816)  OPCRA
  28. Plebejus argus (Linné, 1758)
  29. Lycaeides abetonicus (Verity, 1910)  ROP
  30. Lycaeides argyrognomon (Bergsträsser, 1779) CRA
  31. Aricia agestis (Denis & Schiffermüller, 1775)
  32. Cyaniris semiargus (Rottemburg, 1775)  OP
  33. Polyommatus amandus (Schneider, 1972)  OP CRA
    Balletto E. et al. (2014) considerano Polyommatus amandus sinonimo junior di Polyommatus icarius (Esper, 1789) e pertanto ritengono quest'ultimo quale nome valido. Tuttavia si è scelto di utilizzare cautelativamente il nome P. amandus, allineandosi in tal modo con la maggioranza degli Autori in attesa che l'International Commission on Zoological Nomenclature (ICZN) si pronunci in merito.
  34. Polyommatus bellargus (Rottemburg, 1775)
  35. Polyommatus coridon (Poda, 1761)
  36. Polyommatus daphnis (Denis & Schiffermüller, 1775)  OP
  37. Polyommatus dorylas (Denis & Schiffermüller, 1775)  R OP
  38. Polyommatus escheri (Hubner, 1823)  OPCRA
  39. Polyommatus hispanus (Herrich-Schaffer, 1852)  OPCRA
  40. Polyommatus icarus (Rottemburg ,1775)
  41. Polyommatus thersites (Cantener, 1834)  OP
Nymphalidae
  1. Nymphalis antiopa (Linné, 1758)  
    Le ultime segnalazioni risalgono alla metà degli anni '80 del secolo scorso (Varzi, 1986; CpGF).
  2. Nymphalis polychloros (Linné, 1758) VU
  3. Inachis io (Linné, 1758)
  4. Vanessa atalanta (Linné, 1758)
  5. Vanessa cardui (Linné, 1758)
  6. Aglais urticae (Linné, 1758)
  7. Polygonia c-album (Linné, 1758)
  8. Polygonia egea (Cramer, 1775)  R
    Una segnalazione storica: Pavia, 1963 (Ballerini C. - CMSnV).
    Una segnalazione recente: un individuo osservato in data 18 luglio 2010 a 402 m s.l.m. in media Val Staffora (Bogliani G., com. pers.).
  9. Argynnis adippe (Denis & Schiffermüller, 1775)
  10. Argynnis aglaja (Linné, 1758)  OP
  11. Argynnis niobe (Linné, 1758)  OP
  12. Argynnis paphia (Linné, 1758)
  13. Issoria lathonia (Linné, 1758)
  14. Brenthis daphne (Denis & Schiffermüller, 1775)
  15. Brenthis hecate (Denis & Schiffermüller, 1775)  OPCRA
    La presenza di questa specie nel territorio provinciale è stata scoperta il 27 giugno 2012 (Gatti F., com. pers.) in una località montana. Nel periodo tra il 2012 e il 2018 la specie è stata rinvenuta in altre due località di montagna e in due località collinari (Gatti F., com. pers.; Villa M., com. pers.).
  16. Boloria dia (Linné, 1767)
  17. Boloria euphrosyne (Linné, 1758)
  18. Melitaea nevadensis (Oberthur, 1904)
  19. Melitaea aurelia (Nickerl, 1850)  R , OP
    Nelle versioni precedenti la sua presenza attuale era ritenuta molto dubbia ma non tanto da doverla escluderla. Nell'ultimo decennio sono note almeno due segnalazioni: a inizio luglio del 2009 in una località montana di confine tra la provincia di Pavia e quella di Piacenza (Bonifacino M., com. pers.); nel giugno del 2019 la specie è stata rinvenuta in una località di montagna (Naluzzo P., com. pers.), pertanto la sua presenza è da ritenersi confermata e meritevole di approfondimenti; considerata infatti la difficoltà di distinguerla sul campo da Melitaea nevadensis (specie ampiamente diffusa) è ipotizzabile che la reale distribuzione di questa specie sia sottostimata.
  20. Melitaea cinxia (Linné, 1758)
  21. Melitaea didyma (Esper, 1779)
  22. Melitaea phoebe (Goeze, 1779)
  23. Apatura ilia (Denis & Schiffermuller, 1775)
  24. Limenitis camilla (Linné, 1764)
  25. Limenitis populi (Linné, 1758)  OP
  26. Limenitis reducta (Staudinger, 1901)
  27. Lybithea celtis (Laicharting, 1782)  R CRA
  28. Satyrus ferula (Fabricius, 1793)  OP CRA
  29. Minois dryas (Scopoli, 1763)
  30. Kanetisa circe (Fabricius, 1775)
  31. Arethusana arethusa (Denis & Schiffermuller, 1775)  OP CRA
  32. Hipparchia fagi (Scopoli, 1763)  OP
    La presenza di questa specie è stata accertata mediante ispezione in vivo di organo di Jullien in numerosi individui in diverse località dell'Oltrepò (Matessi C., com. pers.; Abderhalden M. & Gatti F., com. pers.). Sono stati però anche osservati (e conservati per futura indagine microscopica) altri esemplari in cui l'organo di Jullien ha aspetto ambiguo che potrebbe indicare genava e/o hermione.
  33. Hipparchia hermione (Linné, 1764)  OP
    In Oltrepò Pavese dovrebbe essere presente il taxon genava, da alcuni autori considerata specie separata, principalmente per la differente morfologia larvale. La distribuzione del taxon hermione in Italia interessa esclusivamente i versanti meridionali liguri. Si rendono necessarie ulteriori indagini ai fini di stabilire l'effettiva presenza dell'uno o dell'altro taxon, anche tramite analisi del DNA.
  34. Hipparchia semele (Linné, 1758)  OP
  35. Hipparchia statilinus (Hufnagel, 1766)  OP
  36. Chazara briseis (Linné, 1764)  OP
    Sono note in letteratura due osservazioni:
    - Torrente Staffora, "Pramostano" (Coll. Balletto).
    - Costa Calatroni, 1984 (MnStr).
  37. Erebia aethiops (Esper, 1777)  OP
  38. Erebia ligea (Linné, 1758)  OP
  39. Erebia medusa (Denis & Schiffermüller, 1775)  OP
  40. Erebia meolans (De Prunner, 1798)  ROP
    La presenza attuale è nota per una sola località dell'alta Val Staffora. Nonostante le numerose ricerche compiute nell'area non è stato possibile confermarne la presenza nell'area del Giardino Alpino di Pietra Corva, da cui proviene un esemplare raccolto nel 1989 (MnStr).
  41. Melanargia galathea (Linné, 1758)
  42. Maniola jurtina (Linné, 1758)
  43. Hyponephele lycaon (Kühn, 1774)  ROP
  44. Pyronia tithonus (Linné, 1771)  OP
  45. Coenonympha arcania (Linné, 1761)
  46. Coenonympha oedippus (Fabricius, 1787)  OPALL. IIALL. IVENCRA
    Verity ne riporta la presenza "lungo le due rive boscose tra Sesto Calende e Pavia" (razza mariae, Rocci; Santa Maria del Bosco). Sono note in letteratura le seguenti osservazioni:
    - Pavia (Rocci, 1928).
    - Torre d’Isola, Boschi Siro Negri e Moriano.
    - Vigevano (Verity, 1953).
    - Vigevano, Basso Corso e Sponde del Ticino.
    - Vigevano, Santa Maria del Bosco (Rocci, 1928).
  47. Coenonympha pamphilus (Linné, 1758)
  48. Pararge aegeria (Linné, 1758)
  49. Lasiommata maera (Linné, 1758)
  50. Lasiommata megera (Linné, 1767)
  51. Danaus chrysippus (Linné, 1758)  ROP
    Specie migratrice a distribuzione pan-paleotropicale. La specie è presente in Italia con colonie stabili a partire dagli anni '90. Per l'area considerata sono note 8 segnalazioni:
    - 1 individuo fotografato in data 19 settembre 2010 presso il Parco "Le Folaghe" di Casei Gerola (Prada L. et al., com. pers.).
    - Non meno di 3 individui in data 24 luglio 2019 nel comune di Travacò Siccomario (Sighele G., su Ornitho.it).
    - 1 individuo in data 20 agosto 2019 nel comune di Travacò Siccomario (Ornaghi F. et al., su Ornitho.it)
    - 1 individuo in data 30 agosto 2019 nel comune di Travacò Siccomario (Gatti F., Romanoni L., com. pers.).
    - 2 individui in data 31 agosto 2019 nel comune di Travacò Siccomario (Cornalba M., com. pers.).
    - 4 individui in data 4 e 8 settembre 2019 nel comune di Valle Salimbene (Bressan P., su Ornitho.it).
    - 2 individui in data 5 settembre 2019 nel comune di Valle Salimbene (D'Amico G., com. pers.).
    - 1 individuo in data 20 ottobre 2019 nel comune di Travacò Siccomario (Razzetti E., com. pers.).
SPECIE POTENZIALMENTE PRESENTI

Hesperidae

Pyrgus onopordi (Rambur, 1839)
A seguito di verifica, due esemplari presenti in una collezione privata precedentemente identificati come Pyrgus onopordi sono risultati invece appartenere a Pyrgus armoricanus. Pertanto non esistono evidenze della presenza di questa specie nel territorio pavese, la cui presenza era tuttavia nota per la provincia di Alessandria (Storace, 1950 in Balletto et al., 2005; Cabella & Fiori, 2010)

Pieridae

Pieris daplidice (Linné, 1758)
Non esistono dati certi sulla presenza di questa specie, spesso confusa con P. edusa.

Euchloe ausonia (Hübner, 1804)
Non esistono dati certi sulla presenza di questa specie, spesso confusa con E. crameri.

Lycaenidae

Scolitantides orion (Pallas, 1771)
Non esistono dati certi sulla presenza di questa specie in provincia di Pavia, tuttavia si ritiene opportuno compiere un adeguato sforzo di indagine, in quanto per l'Oltrepò vi è una segnalazione dubbia nel tardo maggio del 2017 presso una località collinare della media Val Staffora (Gatti et al., inedito).

Questa lista è stata compilata grazie alla conoscenza acquisita per mezzo di numerose uscite effettuate in particolare dagli autori e dagli altri soci fondatori di Iolas: Michele Abderhalden, Gianluca Ancarani, Eugenio Balestrazzi, Giuseppe Bogliani, Marco Cortemiglia, Giovanni Fassio, Igor Festari, Enzio Vigo, Michela Villa.
Alcune informazioni provengono da collezioni museali, per questi dati si ringrazia Stefano Maretti, Edoardo Razzetti (MSNUPv) e Carlo Cova † (MnStr).
Ulteriori informazioni utili alla compilazione sono giunte dal Prof. Emilio Balletto e dai sigg. Marco Bonifacino, Giampio D'Amico, Gianni Gabetta e Carlo Scanarotti.

A queste persone va il ringraziamento degli autori.

Scarica la lista